lunedì 28 dicembre 2009

Rivalutazione delle partecipazioni 2010

L'art. 2, comma 229, del DdL Finanziaria 2010 stabilisce la riapertura dei termini per la rivalutazione delle partecipazioni non negoziate in mercati regolamentati, possedute da privati alla data dell’1 gennaio 2010, mediante il versamento, entro il 31 ottobre 2010, di un'imposta sostitutiva delle imposte sui redditi pari al 4% del valore rideterminato delle partecipazioni.
In allegato a LE PERIZIE DI STIMA potete trovare una breve sintesi della normativa con riferimento alle principali circolari emesse dall'Agenzia delle Entrate e una bozza di perizia di rivalutazione quote.
Il pagamento può avvenire in unica rata o in 3 rate annuali di pari importo, con applicazione degli interessi del 3%, da effettuarsi entro il:
  • 31 ottobre 2010 (I rata),

  • 31 ottobre 2011 (II rata),

  • 31 ottobre 2012 (III rata).

Tale operazione dovrà essere eseguita entro il 31 Ottobre 2010, termine entro il quale risulta necessario asseverare la perizia di valutazione e versare l’imposta sostitutiva.

Link: Per restare aggiornato iscriviti alla nostra Newsletter!

venerdì 11 dicembre 2009

Operazioni straordiarie: novità legislative

Riportiamo un breve memo sulle più recenti evoluzioni normative in tema di diritto societario:

Link: Per restare aggiornato iscriviti alla nostra Newsletter!

mercoledì 18 novembre 2009

Transazione debiti previdenziali


Con il D.M. Lavoro 4.08.2009 (Gazzetta Ufficiale 28.10.2009, n. 251) sono state rese note le modalità operative alle quali gli enti dovranno attenersi ai fini della corretta gestione transazione previdenziale e assistenziale, nell’ambito delle procedure di
concordato preventivo e degli accordi di ristrutturazione dei debiti.


Link: Per restare aggiornato iscriviti alla nostra Newsletter!

Concordato preventivo: Falcidia dei crediti tributari senza transazione fiscale

Un collega di Venezia mi segnala una interessante sentenza relativa alla "Falcidia dei crediti tributari senza transazione fiscale".

Dello stesso tenore alcuni articoli del sole24ore che potete trovare qui e qui
Se la giurisprudenza in tal senso andrà a consolidarsi si apriranno sviluppi interessanti.

Link: Per restare aggiornato iscriviti alla nostra Newsletter!

lunedì 9 novembre 2009

Corso di Formazione: ruolo, poteri e responsabilità di soci ed amministratori.

Nell’ambito della sua attività di formazione e con lo scopo di incentivare la cultura d’impresa tra i clienti ed i collaboratori STUDIO PANATO organizza lunedì 30 novembre dalle ore 9,30 alle 18,00 un corso di formazione sul tema:

Ruolo, poteri e responsabilità di soci e amministratori di società di capitali e cooperative con particolare riferimento alle procedure, alla verbalizzazione ed ai conflitti di interesse

A tutti i partecipanti verrà fornito un ampio formulario sui temi trattati.

Stiamo terminando di predisporre il materiale. Ogni commento e suggerimento è bene accetto.

Link: Per restare aggiornato iscriviti alla nostra Newsletter!

martedì 20 ottobre 2009

Aggiornato il sito su VALUTAZIONE DI AZIENDA ED OPERAZIONI STRAORDINARIE

Dopo ormai qualche mese dalla pubblicazione del libro, il sito PERIZIE DI STIMA
si rinnova. Ai costanti aggiornamenti in materia di operazioni straordinarie si aggiunge la pubblicazione del materiale relativo ai corsi e convegni tenuti in questi ultimi giorni.

Si vuole così riordinare il materiale già distribuito ai partecipanti ai corsi tenuti presso i principali Ordini Dei Dottori commercialisti ed esperti contabili, coordinandolo con quello delle lezioni tenute in Bocconi.

lunedì 19 ottobre 2009

Scissione totale proporzionale

L’Agenzia delle Entrate con la risoluzione n. 256/e del 2 ottobre 2009 ha precisato gli aspetti di elusività di imposta di un’operazione di scissione totale proporzionale e successiva cessione di partecipazioni a una delle società beneficiarie


domenica 18 ottobre 2009

Operazioni straordinarie: trasformazione eterogenea

Il Documento IRDCEC n.03-2009 dell'Istituto di ricerca dei dottori commercialisti e degli esperti contabili interviene sulla trasformazione eterogenea. Anche le cooperative potranno trasformarsi in società di capitali ma solo passando attraverso la perdita della mutualità. Permangono invece perplessità sulla possibile trasformazione eterogenea delle società unipersonali.

Link: Per restare aggiornato iscriviti alla nostra Newsletter!

mercoledì 30 settembre 2009

Fusione e scissione senza perizia anche le spa


Gli articoli 2 e 4 della direttiva 2007/63/CE che il governo italiano si appresta ad introdurre nel nostro ordinamento andranno a semplificare le operazioni di fusione e scissione nelle SPA.


Come già oggi avviene per le Srl, la perizia di determinazione del concambio non sarà più obbligatoria in presenza di unanimità dei soci.


mercoledì 23 settembre 2009

Savona e le altre

Ieri l'Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti contabili di Savona mi ha ospitato in qualità di relatore per un convegno su "LE PERIZIE DI STIMA nelle operazioni straordinarie e nel risanamento aziendale". Nel ringraziare i partecipanti per la disponibilità e l'attenzione che mi hanno dato per più di tre ore, ricordo a tutti che a breve saranno disponibili sul sito LE PERIZIE DI STIMA un estratto delle slide della presentazione divise per argomento:
  • lettera di incarico
  • due diligence
  • valutazione d'azienda
  • trasformazione
  • conferimento
  • scissione
  • fusione
  • LBO
  • accordi di ristrutturazione dei debiti
  • concordato preventivo.

A tutti i partecipanti saranno invece inviate via e-mail le slide complete.

Ricordo inoltre che bozze di perizie e fogli di lavoro sono contenuti nel libro LE PERIZIE DI STIMA e scaricabili dal sito http://www.livingbook.it/ con le password che trovate nel libro.

I prossimi convegni saranno:

  • Genova, mercoledì 14 ottobre, 14.30 – 18.00
  • Parma, giovedì 22 ottobre, 14.30 – 18.00
  • Venezia, giovedì 3 dicembre 2009, 14.30 – 18.00

Link: Per restare aggiornato iscriviti alla nostra Newsletter!

domenica 13 settembre 2009

Piano di risanamento, accordi di ristrutturazione e concordato preventivo

Il ricorso a strumenti stragiudiziali per risolvere la crisi di impresa lascia ampio spazio all'autonomia privata e prevede una relazione di un esperto indipendente a tutela dei terzi creditori.

La relazione dell'esperto nelle procedure di risanamento aziendale deve attestare la ragionevolezza del piano redatto dagli amministratori.

L'attività di controllo e verifica di dati ed ipotesi presenta caratteristiche di notevole criticità data la difficile situazione in cui l'impresa si trova ad operare.
La due diligence deve contenere anche una attenta analisi delle ipotesi su cui si basano i dati prospettici del piano (flussi di cassa, ecc.).

L' ultima riforma infatti per la prima volta ha introdotto nell'ordinamento una relazione dell'esperto che non deve limitarsi a valutare il capitale economico dell'impresa ma effettuare una revisione sull'evoluzione futura della situazione economico finanziaria.

Questa relazione presenta notevoli analogie con quella necessaria in caso di leverage buy out o fusione con indebitamento.

L'esperto nel formulare il giudizio di ragionevolezza deve considerare:
- l'attendibilità del piano: valutare la correttezza delle ipotesi e la coerenza di queste con il mercato in cui opera l'imresa.
- la realizzabilità del piano, ovvero le difficoltà insite nel piano e la sostenibilità nel tempo dellos tesso.
- la visibilità, ovvero la capacità di disporre di elementi che fin da subito comprovino la sostenibilità dello stesso.

il principio di revisione intenazionale ISAE 400 prevede che il revisore ottenga un sufficiente livello di conoscenza del settore in cui opera l'impresa. Infatti dovendosi valutare scenari futuri, caratterizzati per definizione da incertezza, si richiedono all'esperto conoscenze più ampie rispetto a quelle utilizzate nella normale pratica professionale.

Link: Per restare aggiornato iscriviti alla nostra Newsletter!

giovedì 27 agosto 2009

Piano di risanamento, accordi di ristrutturazione, concordato preventivo: la dottrina parla di noi!

Le PERIZIE DI STIMA è citato nell'ultimo numero della Rivista dei Dottori Commercialisti a pagina 579 in un interessante articolo su "Piano di risanamento, accordi di ristrutturazione, concordato preventivo" della Prof. Patrizia Riva,
La dottrina parla di noi!


Link: Per restare aggiornato iscriviti alla nostra Newsletter!

giovedì 30 luglio 2009

Le Perizie di Stima... tornano a settembre!

Ci prendiamo qualche giorno di vacanza, il blog tornerà ad essere aggiornato ai primi di settembre.

Vi ricordiamo che potete acquistare on line PERIZIE di STIMA presso la libreria Hoepli che garantisce la disponibilità immediata, oppure presso le principali librerie on line: Rizzoli, IBS, ecc.

Potete ricevere i principali aggiornamenti anche iscrivendovi alla pagina di LE PERIZIE DI STIMA E LA VALUTAZIONE D' AZIENDA su facebook.

Link: Per restare aggiornato iscriviti alla nostra Newsletter!

martedì 28 luglio 2009

Le Perizie di Stima su ANOBII

Perizie di stima : Ora anche su Anobii.

Il libro accompagna il lettore lungo le fasi necessarie alla redazione di una relazione giurata di stima conformemente alla normativa e alle best practices professionali, attraverso un'analisi dei principali metodi di valutazione, richiamandosi a un'ampia e consolidata dottrina, e trattando le principali operazioni di finanza straordinaria, le operazioni sul capitale e gli strumenti previsti dalla nuova riforma del fallimento per il risanamento aziendale.
Rimane immutato l'approccio chiaro ma rigoroso a una materia molto complessa. L'autore ha voluto dare ampio spazio a esempi pratici e schemi da utilizzare proprio nella predisposizione delle relazioni giurate. Gli allegati, formulario, normativa e giurisprudenza rappresentano utili strumenti per la pratica professionale, mentre la bibliografia e la correlata linkografia offrono spunti per approfondire la ricerca su ogni singolo argomento.

More about Perizie di stima
Per acquistarlo invece consigliamo la libreria on line di HOEPLI: LE PERIZIE DI STIMA - disponibilità immediata ;-)

Link: Per restare aggiornato iscriviti alla nostra Newsletter!

lunedì 27 luglio 2009

Tesi su perizia di stima e valutazione d'azienda

Siamo molto soddisfatti che la pagina su FACEBOOK de LE PERIZIE DI STIMA E LA VALUTAZIONE D'AZIENDA stia diventando un utile luogo di scambio suggerimenti per gli studenti in tesi!

Stiamo valutando come poter aiutare maggiormente i laureandi, con materiale del libro o pubblicando loro presentazioni o tesi in materia di valutazione d'azienda ed operazioni straordinarie.

Chi è interessato può contattarci su facebook o su linkedin

Link: Per restare aggiornato iscriviti alla nostra Newsletter!

martedì 21 luglio 2009

La valutazione dei conferimenti diversi dal denaro nelle S.p.A.

Segnalo la Circolare N. 11/IR del 29 Giugno 2009 "Nuove procedure di valutazione dei conferimenti diversi dal denaro nelle S.p.A.". Qui è possibile scaricare la circolare: Circolare CNDCEC 11-2009
Una ampia disamina dei metodi di valutazione d'azienda e di redazione della perizia di conferimento è contenuta nella nuova edizione 2009 di LE PERIZIE DI STIMA


SOMMARIO:
1. Premessa.

2. Il conferimento di beni in natura o di crediti senza relazione di stima.


2.1. Valori mobiliari o strumenti del mercato monetario.


2.2. Altri beni in natura o crediti.


2.2.1. Il «valore equo» ricavato da un bilancio approvato.


2.2.2. Il «valore equo» risultante da una stima precedente.


3. (segue) Requisiti e responsabilità dell'esperto.


4. La verifica dei fatti eccezionali o rilevanti che incidono sulla valutazione.


4.1. La nuova valutazione ex art. 2343 c.c.


4.2. La dichiarazione degli amministratori. Profili di responsabilità.


5. Considerazioni conclusive.



Link: Per restare aggiornato iscriviti alla nostra Newsletter!

lunedì 20 luglio 2009

Trasformazione in Srl per affrontare la crisi

La crisi economica di questi ultimi mesi può incentivare le imprese, ditte individuali e società di persone, a valutare l’ipotesi di trasformarsi in società a responsabilità limitata.
La trasformazione in società di capitali (tecnicamente conferimento in caso di impresa individuale) può essere giustificata al fine di tutelare il patrimonio personale dell'imprenditore o dei soci in caso di crisi aziendale.

Sia in caso di trasformazione sia in caso di conferimento è necessario far predisporre ad un professionista abilitato una perizia di stima ai fini di garantire ai terzi il capitale della SRL.

Link: Per restare aggiornato iscriviti alla nostra Newsletter!

giovedì 16 luglio 2009

LBO: leverage buy out

La circolare n. 8 del 28 maggio 2009 della fondazione studi dell'Ungdc chiarisce che non c'è elusione fiscale nell'operazione di merger leveraged buyout che rispecchia i requisiti di trasparenza, dettagliata programmazione, presenza di progetto imprenditoriale ed industriale, supportato da un articolato piano economico e finanziario.

In presenza di tali elementi risulta manifesta la validità all'operazione anche da un punto di vista fiscale.

Ricordiamo che civilisticamente in caso di LBO è necessaria la perizia di un commercialista abilitato.

Link: Per restare aggiornato iscriviti alla nostra Newsletter!

Scissione e riporto perdite.

L'Agenzia delle Entrate, con risoluzione 168/E del 30 giugno, ha chiarito che le perdite che restano nella disponibilità della società scissa non sono sottoposte alla disciplina antielusiva prevista dall'articolo 173, comma 10, del Tuir, in quanto - non realizzandosi in capo alla stessa alcuna concentrazione soggettiva - non sussiste il rischio che le stesse possano essere indebitamente compensate con redditi di una diversa organizzazione.
In caso di scissione non proporzionale è necessario affidare ad un professionista abilitato la redazione di una perizia di concambio da scissione.

giovedì 18 giugno 2009

Scissione elusiva

La risoluzione n. 150/e del 10 giugno 2009 ha chiarito che la scissione societaria può essere fiscalmente neutrale se sia la società scissa sia quella beneficiaria svolgono un'attività d'impresa.

In particolare, la scissione di società di persone in società semplice non è neutrale, in quanto la natura non commerciale della beneficiaria fa sì che i beni trasferiti escano dal regime di impresa con inevitabile tassazione della plusvalenza determinata sulla differenza tra valore di mercato e fiscale degli stessi.

Link: Per restare aggiornato iscriviti alla nostra Newsletter!

Riallineamento dei valori fiscali nelle operazioni straordinarie

La circolare n. 28/e dell'11 giugno 2008 ha fornito chiarimenti sul nuovo regime agevolativo di riallineamento dei valori fiscali ai maggiori valori iscritti in bilancio in occasione di operazioni straordinarie, previsto dal Dl 185/2008.

Link: Per restare aggiornato iscriviti alla nostra Newsletter!

mercoledì 17 giugno 2009

La perizia di trasformazione

La trasformazione è l’operazione mediante la quale una società modifica la propria forma giuridica decisa in sede di costituzione, assumendo quella che meglio si adatta al perseguimento delle proprie finalità.
La trasformazione, consentendo all’impresa di adattare la propria forma giuridica all’evoluzione della realtà aziendale, trova spesso applicazione nell’ambito di altre operazioni di finanza straordinaria, come atto complementare o ad esse propedeutico.
Spesso molte imprese nascono con una ristretta base sociale che, al crescere delle dimensioni aziendali, può rivelarsi insufficiente. Con l’ingresso di nuovi soci o con lo sviluppo del businesspuò quindi essere opportuno distinguere i beni aziendali dai beni personali, scegliendo quindi la forma della società di capitali, la quale può consentire inoltre maggiori possibilità di finanziamento e di accesso al mercato di capitali.

Sotto riporto una breve presentazione predisposta da una giovane neolaureata. La riporto per diversi motivi:
· è un buon lavoro che credo possa essere interessante per il lettore del blog;
· a Cristina fa piacere che venga pubblicata (ho chiesto il permesso e l'autorizzazione);
· è un buon esempio di collaborazione e dialogo on line: Cristina dopo aver letto il mio libro mi ha contattato on line per avere un confronto sull'argomento. Ascoltare i suoi dubbi mi è servito per apportare qualche chiarimento alla nuova edizione del testo.

Link: Per restare aggiornato iscriviti alla nostra Newsletter!

domenica 14 giugno 2009

Le Perizie di Stima

E' solo un breve video all'interno del nostro canale sperimentale su YOUTUBE




Ci piacerebbe avere la vostra opinione sul libro e sul video. Siamo sempre interessati ad un confronto aperto anche in vista di modifiche al testo e di migliorare il servizio di aggiornamento offerto da questo blog. Sicuramente gli strumenti tecnologici sono migliorabili ma per ora il servizio è ancora in fase sperimentale.

Link: Per restare aggiornato iscriviti alla nostra Newsletter!

giovedì 11 giugno 2009

Scissione e neutralità fiscale

La scissione societaria è da ritenersi un'operazione fiscalmente neutrale a condizione che sia la società scissa sia quella beneficiaria svolgano un'attività d'impresa.
La risoluzione 150/E del 10 giugno 2009 chiarisce che la scissione di una società commerciale a favore di una semplice implica, dal punto di vista fiscale, una estromissione dei "beni d'impresa", con conseguente emersione di plusvalenze imponibili.
La scissione se non proporzionale richiede la predisposizione di una perizia di concambio.

Link: Per restare aggiornato iscriviti alla nostra Newsletter!

venerdì 5 giugno 2009

Fusione, scissione, informativa privacy web.

La newsletter n.324 del 4 giugno 2009 del garante privacy ha chiarito che, in caso di fusioni e scissioni societarie, le stesse società interessate all'operazione devono pubblicare un'informativa sul proprio sito web per comunicare agli interessati il cambiamento del titolare dei dati.

Il garante privacy richiede inoltre di comunicare l'operazione ai singoli interessati in occasione della prima circostanza utile di contatto, anche per altre finalità.

In questo caso la consueta informativa a clienti, fornitori e banche dovrà essere integrata con quanto previsto dal garante ai fini della privacy.

Si ricorda che maggiori informazioni sugli adempimenti in caso di fusione o scissione è possibile consultare: Le Perizie di Stima

Link: Per restare aggiornato iscriviti alla nostra Newsletter!

venerdì 29 maggio 2009

Fusioni, scissioni, conferimenti e bonus fiscale

La Risoluzione n. 134/E ha ribadito che il bonus aggregazioni è garantito soltanto in caso di completa indipendenza tra le società partecipanti all'operazione.
Quindi anche in caso di rispetto degli altri requisiti, non si potrà beneficiare della norma agevolativa in assenza di indipendenza tra le società partecipanti (risoluzione n. 134/E).

Link: Per restare aggiornato iscriviti alla nostra Newsletter!

martedì 26 maggio 2009

Situazione patrimoniale di fusione o scissione

La situazione patrimoniale: deve essere predisposta dagli amministratori nel rispetto delle regole previste per la stesura del bilancio d’esercizio, rispettandone la struttura (Stato Patrimoniale, Conto Economico e Nota Integrativa) e i principi di redazione.
Parte della dottrina ritiene che le società che redigono il bilancio di esercizio secondo gli schemi IAS devono costruire la Situazione Patrimoniale rispettando quanto prescritto dai Principi Contabili Internazionali.
Si tratta quindi di un vero e proprio bilancio infra-annuale (di un bilancio intermedio costruito secondo i dettami dell’OIC 30), redatto allo scopo di fornire ai soci e ai creditori informazioni aggiornate sulla consistenza patrimoniale delle società partecipanti all’operazione. È per questo necessario che la situazione sia riferita a una data sufficientemente vicina e comunque non anteriore di oltre 120 giorni al deposito del progetto di fusione presso la sede della società.
Può essere utilizzato, alternativamente, il bilancio dell’ultimo esercizio se questo si è chiuso non più di sei mesi prima del giorno in cui è avvenuto il suddetto deposito.

giovedì 21 maggio 2009

La perizia nella rivalutazione degli immobili

L'Agenzia delle Entrate, con la circolare n. 22/E del 7 maggio 2009 ha chiarito che è la valutazione dell'amministratore, eventualmente supportata da perizia non obbligatoria, ad attribuire distinti valori di mercato al fabbricato e all'area pertinenziale.

Si ritiene assolutamente consigliata la perizia di un professionista in caso di rivalutazione di immobile posseduto da una società di capitali in quanto si andrà a modificare il patrimonio netto della stessa.

Link: Per restare aggiornato iscriviti alla nostra Newsletter!

lunedì 11 maggio 2009

Ristrutturazione dei debiti con transazione fiscale

In Emilia Romagna l'Agenzia delle Entrate ha chiuso la prima ristrutturazione debiti con l'erario.
Omologato infatti dal Tribunale di Parma un accordo di ristrutturazione dei debiti con transazione fiscale che ha consentito all’amministrazione finanziaria di incassare oltre un milione di euro in un’unica soluzione e 200mila euro rateizzabili in 120 rate mensili, al tasso di interesse del 4% annuo, ed all’azienda di evitare una probabile procedura concorsuale.

L'accordo concede una rateazione decennale e uno sconto sulle sanzioni.
Nel piano rientra solo la quota di debito avente natura chirografaria sebbene iscritto a ruolo. Esclusa nella transazione il pagamento parziale dell'Iva. Ammessa solo la dilazione.

Il Direttore Regionale, Antonino Gentile, ha dichiarato:
“Sono dati che dimostrano come l’Agenzia riesca a coniugare la salvaguardia degli interessi erariali con le esigenze di risanamento delle realtà aziendali meritevoli di tutela. La transazione fiscale è un importante istituto che consente, nell’ambito del concordato preventivo e degli accordi di ristrutturazione, di pagare in misura ridotta e/o dilazionata il credito tributario. E’ così possibile mantenere in attività l’azienda e proteggere i posti di lavoro.”.

Link: Per restare aggiornato iscriviti alla nostra Newsletter!

mercoledì 29 aprile 2009

Fusione inversa: disavanzo affrancabile

Con la risoluzione n. 111/E del 27 aprile 2009, l'Agenzia delle Entrate si è espressa sulle operazioni di fusioni inverse ed ha stabilito che in caso di fusione inversa il disavanzo è affrancabile anche quando riguarda beni che facevano parte del patrimonio della società incorporante. Con questo pronunciamento l'Agenzia disconosce una precedente pronuncia di senso opposto (la risoluzione n. 46/E del 24 febbraio 2009).

La risoluzione n. 111/E del 27 aprile correttamente considera la fusione inversa alla stessa stregua di una incorporazione diretta e consente la possibilità per la società incorporante di ottenere il riconoscimento fiscale dei maggiori valori iscritti attraverso il pagamento di una imposta sostitutiva delle imposte sui redditi e dell'Irap (comma 10-bis, articolo 172 del Tuir).

La fusione inversa produce effetti giuridici, economici e patrimoniali analoghi a quelli che sarebbero risultati se la fusione fosse stata diretta.

Link: Per restare aggiornato iscriviti alla nostra Newsletter!

giovedì 23 aprile 2009

LBO: relazione della società di revisione in caso di fusione a seguito di acquisizione con indebitamento.

RELAZIONE EX ART. 2501BIS, QUINTO COMMA, C.C.
Massima notarile del triveneto
La relazione della società di revisione incaricata della revisione contabile obbligatoria della società obbiettivo o della società acquirente, prevista dal quinto comma dell’art. 2501bis c.c., non deve essere predisposta nell’ipotesi in cui nessuna delle società partecipanti alla fusione sia assoggettata a tale revisione contabile obbligatoria.
Nelle altre ipotesi deve essere sempre predisposta.
Qualora entrambe le società partecipanti alla fusione siano soggette alla revisione obbligatoria di una società di revisione è loro facoltà scegliere a quale delle società di revisione affidare la relazione.

LBO: relazione dell'esperto in caso di fusione a seguito di acquisizione con indebitamento.

Attestazioni e asseverazioni ai sensi degli artt. 2501 bis, comma 4° e 2503, comma 1°, ultima frase, c.c.
Massima notarile Milano
L’attestazione richiesta dall’art. 2501 bis, comma 4°, c.c., nell’ambito della rela-zione degli esperti sulla congruità del rapporto di cambio, in caso di fusione a seguito di acquisizione con indebitamento, deve essere resa anche nell’ipotesi di fusione per incor-porazione di società interamente posseduta o comunque in ogni altra ipotesi in cui non sia richiesto il parere di congruità sul rapporto di cambio.Analogamente, l’asseverazione prevista dall’art. 2503, comma 1°, ultima frase, c.c., al fine di procedere alla fusione anticipata, può essere resa, ove le società intenda-no avvalersi di tale facoltà, anche nell’ipotesi di fusione per incorporazione di società in-teramente posseduta o comunque in ogni altra ipotesi in cui non sia richiesto il parere di congruità sul rapporto di cambio.I compiti assegnati dalle citate norme all’esperto o alla società di revisione, in quanto fissati nell’interesse dei creditori, sono infatti logicamente e funzionalmente au-tonomi dal giudizio di congruità, di guisa che possono e debbono essere assolti, ove ne ricorrano i presupposti, anche indipendentemente dalla resa di un giudizio di congruità.

lunedì 13 aprile 2009

Concordato preventivo, accordi di ristrutturazione dei debiti e transazione fiscale

Come già affrontato in post precedenti, la transazione fiscale è estesa all'Iva.La proposta del contribuente può riguardare però solo il pagamento dilazionato dell'imposta, non anche la sua riduzione. La modifica normativa è applicabile anche alle procedure di concordato preventivo e agli accordi di ristrutturazione dei debiti in corso al 29 novembre 2008 (circolare n. 14/E).

Link: Per restare aggiornato iscriviti alla nostra Newsletter!

mercoledì 8 aprile 2009

Scissione con cessione delle quote: rischio elusione

La risoluzione n. 97/E del 2009 dell' agenzia delle entrate ha precisato che la scissione di una società seguita dalla cessione di tutte le quote della beneficiaria è elusiva anche in caso di rivalutazione delle quote.

l'Agenzia contesta di aver utilizzato un regime fiscale meno oneroso senza valide ragioni economiche a sostegno della posizione del contribuente.

Questa pronuncia è coerente con quanto già espresso in precedenza.

Link: Per restare aggiornato iscriviti alla nostra Newsletter!

lunedì 6 aprile 2009

Bilancio 2008 e rivalutazione immobili di impresa

Gli amministratori delle società che intendono rivalutare gli immobili devono motivare i criteri seguiti nella rivalutazione. Ai sindaci spetta, invece, il compito di attestare che la rivalutazione non eccede i limiti di valore previsti dalla legge.
Consigliata le redazione di una perizia ai fini civilistici per evitare annacquamenti del patrimonio netto soprattutto per le imprese in difficoltà finanziarie.

Link: Per restare aggiornato iscriviti alla nostra Newsletter!

Perizia di trasformazione

Nelle operazioni di trasformazione delle società le perizie hanno la funzione di valutare correttamente il patrimonio netto la cui stima va effettuata sulla base dei corretti principi contabili applicati agli elementi dell'attivo e del passivo patrimoniale.
Gli effetti fiscali dipendono dal cambiamento del tipo di società e ove esistenti decorrono dalla data di efficacia dell’atto.

Link: Per restare aggiornato iscriviti alla nostra Newsletter!

lunedì 30 marzo 2009

Le Perizie di Stima... al 47° Congresso Nazionale UNGDCEC - Varese


Devo dire che sono uscito dall'incontro con il mio editore abbastanza soddisfatto. Le vendite procedono abbastanza bene.

Merito sicuramente della presenza su internet, del sito, del blog di aggiornamento, della pagina su facebook visitata soprattutto da studenti universitari in tesi.Molti sono i contatti nati in rete grazie al libro e spero proseguiranno con la seconda edizione.Molti colleghi inoltre dovrebbero trovare copie del libro, facilmente acquistabile in libreria o su internet, presso gli stand della casa editrice al convegno dei dottori commercialisti che si sta svolgendo in questi giorni:

  • 47° Congresso Nazionale UNGDCEC - Varese"Una nuova era per l'economia - dalla crisi alle opportunità di sviluppo" - Centro Congressi delle Ville Ponti, 2/4 aprile 2009.

Link: Per restare aggiornato iscriviti alla nostra Newsletter!

sabato 28 marzo 2009

Rivalutazione di beni immobili: perizia opportuna!

Dalla lettura della normativa e prassi fiscale non emerge alcun obbligo di perizia di un terzo indipendente per rivalutare gli immobili.
Si ricorda peraltro che l'opportunità della perizia deriva dal combinato normativo a livello civilistico. Le responsabilità in capo a soci ed amministratori di società di capitali sono tali da renderla pressochè obbligatoria.

Link: Per restare aggiornato iscriviti alla nostra Newsletter!

mercoledì 18 marzo 2009

Incentivi alle operazioni di aggregazione aziendale

La risoluzione n. 57/e del 6 marzo 2009 chiarisce che la costituzione di una società a responsabilità limitata, a seguito di un’operazione di aggregazione tra aziende, in cui l’assegnazione della quota al capitale sociale è pari al 99,6 per cento a un socio e solo lo 0,4 per cento all’altro socio (in virtù della scarsa consistenza patrimoniale dell'azienda da questi detenuta e alla mancanza di avviamento che è indice di non operatività), impedisce l’applicazione del bonus aggregazioni.

Link: Per restare aggiornato iscriviti alla nostra Newsletter!

lunedì 2 marzo 2009

Fusioni inverse, possibile l’affrancamento

La risoluzione n. 46/E del 24 febbraio 2009, ha chiarito che nella operazione di fusione inversa l'affrancamento dei beni attraverso pagamento dell'imposta sostitutiva, è possibile a condizione che i beni oggetto della valorizzazione derivino dalla incorporata.

Link: Per restare aggiornato iscriviti alla nostra Newsletter!

venerdì 27 febbraio 2009

Facebook: la pagina su Le Perizie di Stima


Sono stato a lungo dibattuto se inserire un pagina su facebook.
Da una parte lo trovo uno strumento interessante. dall'altra essendo prettamente legato allo svago inserire contenuti legati al mondo del lavoro forse può essere fuoriluogo.Quindi questo è un esperimento, magari anche transitorio. Mi piacerebbe sentire pareri ed opinioni da parte dei lettori del blog.
L'idea per il momento è che la pagina serva solo per aggiornare su:
- novità legislative, giurisprudenziali e massime notarili successive alla pubblicazione del libro;
- informazioni relative a prossime edizioni del testo.
Vuole essere uno spazio discreto, in massima parte di servizio per chi ha acquistato il libro, in parte anche promozionale. Mi piacerebbe leggere i vostri commenti.

Perizie tecniche d'ufficio utilizzabili in altri processi

La sentenza n. 2904 del 6 febbraio 2009 della Corte di Cassazione hanno stabilito che anche nel processo tributario si possono utilizzare le relazioni tecniche redatte per altri giudizi.

Il giudice può, quindi, utilizzare una relazione tecnica disposta in altri processi sia in sede civile sia in sede penale.

Link: Per restare aggiornato iscriviti alla nostra Newsletter!

Fusione inversa e regime sostitutivo

Anche nei casi di fusione inversa l'incorporante può beneficiare dell'imposta sostitutiva per "affrancare" i maggiori valori iscritti in bilancio per effetto dell'imputazione del disavanzo, sia esso da concambio o da annullamento.

Il riconoscimento fiscale dei maggiori valori iscritti in bilancio a seguito di un’operazione di fusione inversa, mediante il pagamento di un'imposta sostitutiva delle imposte sui redditi e dell'Irap, è ammesso solo in relazione ai beni provenienti dal patrimonio dell'incorporata e a condizione che quest'ultimo sia configurabile quale compendio aziendale. Così ha precisato l’Agenzia delle Entrate con la risoluzione n. 46/e del 24 febbraio 2009.

Link: Per restare aggiornato iscriviti alla nostra Newsletter!

Conferimento e fondo rischi

La risoluzione n. 44/e del 17 febbraio 2009 ha chiarito il trattamento fiscale dei fondi rischi iscritti dalla società conferitaria in sede di conferimento. L'utilizzo del fondo rischi per coprire passività subite o, in alternativa, il suo annullamento per il sopravvenuto venir meno del rischio, va tassato nell'esercizio in cui si verificano le predette circostanze.

Link: Per restare aggiornato iscriviti alla nostra Newsletter!

domenica 15 febbraio 2009

Perdite su crediti in caso di accordo di ristrutturazione dei debiti

L'Agenzia delle Entrate, in occasione di Telefisco 2009, ha dichiarato che gli accordi sulla ristrutturazione dei debiti, previsti dall'articolo 182-bis della legge fallimentare, non rientrano tra le procedure concorsuali.

L'art. 101, comma 5, del Tuir prevede che le perdite su crediti sono deducibili se risultano da elementi certi e precisi e in ogni caso se il debitore è assoggettato a procedura concorsuale.
Gli accordi di ristrutturazione non sono pertanto assimilabili al concordato preventivo e di conseguenza l'avvio della ristrutturazione non consente di considerare realizzate le perdite su crediti salvo che il creditore verifichi sulla base di elementi certi e precisi la perdita del credito.
Si ricorda peraltro che la ristrutturazione dei debiti comporta un accordo contrattuale che spesso prevede, oltre alla dilazione del pagamento, una parziale remissione del debito.
In questo caso si verificherebbe una vera e propria perdita su crediti. Si auspica quindi a breve un chiarimento in tal senso da parte dell’agenzia.

Link: Per restare aggiornato iscriviti alla nostra Newsletter!

mercoledì 4 febbraio 2009

Valutazione d'azienda e partecipazioni

Riportiamo il materiale della lezione tenuta alla SAF - Università Bocconi (Scuola Alta Formazione). La presentazione che potete trovare sotto, rappresenta un breve estratto del materiale presentato al corso, parzialmente integrato con l'ultima slide.

venerdì 30 gennaio 2009

Non retrodatabili gli effetti della fusione con trasformazione

Non è possibile retrodatare gli effetti fiscali della fusione tra una società di persone e una di capitali,. Di conseguenza, il soggetto incorporato deve determinare il reddito relativo all'intervallo temporale tra l'inizio del periodo d'imposta e la data in cui ha effetto la fusione sulla base del proprio conto economico e assolvere ai propri obblighi dichiarativi autonomamente.

E' il chiarimento contenuto nella risoluzione n. 22/E del 28 gennaio, con cui l'agenzia delle Entrate si è pronunciata su un caso di aggregazione aziendale, protagonista una Srl che ha incorporato una società in nome collettivo.

Link: Per restare aggiornato iscriviti alla nostra Newsletter!

Conferimenti SPA, perizie e Ias

Una nuova massima redatta dalla Commissione massime societarie del consiglio notarile di Milano ha chiarito che, per i conferimenti in natura nelle spa, il valore equo di un bene ricavato da un bilancio approvato non richiede necessariamente la redazione di quest'ultimo secondo i principi Ias/Ifrs, ma consiste piuttosto nel valore correttamente iscritto in un bilancio approvato in conformità ai criteri stabiliti dalle norme e ai principi applicabili nel caso concreto.

La massima riveste particolare interesse e sarà importante analizzarne la portata ai fini delle future operazioni straordinarie..


Perizia di Conferimento di ramo d'azienda

La sentenza n.7 del 13 dicembre 2008 della Ctp Reggio Emilia ha stabilito che il valore risultante da perizia di stima, effettuata da professionista nominato dal tribunale, ai fini di un conferimento di ramo d’azienda, è sempre rettificabile.

Link: Per restare aggiornato iscriviti alla nostra Newsletter!

mercoledì 21 gennaio 2009

Scissione parziale non proporzionale con attribuzione di patrimonio netto contabile negativo.

E' la complessa operazione che l'agenzia delle Entrate ha giudicato non elusiva rispondendo ad un'istanza di interpello formulata ai sensi dell'articolo 21, comma 9, della legge 413/1991.

In realtà, l'Amministrazione finanziaria, con la risoluzione n. 12/E del 16 gennaio, oltre a propendere per l'assenza dei requisiti, prescritti dall'articolo 37-bis del Dpr 600/1973 ai fini del disconoscimento dei vantaggi fiscali derivanti da determinate operazioni, ha fornito diverse precisazioni relative alle implicazioni fiscali della scissione, così come programmata e descritta dall'istante.

venerdì 16 gennaio 2009

giovedì 8 gennaio 2009

Decreto Anti crisi: operazioni straordinarie ed imposta sostitutiva

Il decreto legge n. 185/2008 ha ridisegnato la disciplina per conferimenti, scissioni e fusioni. Avviamento e marchi sono ammortizzabili in nove anni, anziché diciotto, pagando un'imposta sostitutiva al 16%.

Si tratta di una nuova imposta sostitutiva che deroga al regime previsto dal comma 2-ter, art. 176 del Tuir e che consente il riconoscimento fiscale dei maggiori valori emersi in seno all' operazione straordinaria, comportando l'applicazione di un'aliquota secca del 16%, da versare in un'unica rata, con effetti anche ai fini Irap.


Link: Per restare aggiornato iscriviti alla nostra Newsletter!

Accordi di ristrutturazione e Concordato preventivo: modifiche per IVA e contributi

L'articolo 32, comma 5, del decreto legge anti-crisi n. 185 ha modificato il testo dell'articolo 182-ter della legge fallimentare risolvendo una diatriba che vedeva contrapposta l’agenzia entrate al Tribunale di Milano.

I debitori potranno solo dilazionare i tempi di versamento dell’imposta sul valore aggiunto, mentre potranno proporre una transazione che comporti un pagamento parziale dei contributi.

Di tutto ciò dovrà tener conto il professionista incaricato di redigere la perizia per il concordato preventivo e/o la perizia per l’accordo di ristrutturazione del debito.


Link: Per restare aggiornato iscriviti alla nostra Newsletter!

venerdì 2 gennaio 2009

Accordi di ristrutturazione dei debiti: maggioranza dei voti

" Negli accordi di ristrutturazione di cui all’art. 182 bis l. fall., per evidenti ragioni sistematiche, attesi i limiti propri del giudizio di omologazione del tribunale, il presupposto del raggiungimento minimo della maggioranza del sessanta per cento dei crediti deve sussistere al momento del deposito e della pubblicazione dell’accordo nel registro delle imprese, anche se saranno sempre ammissibili adesioni successive.
Negli accordi di ristrutturazione di cui all’art. 182 bis l. fall., l’eventuale mancanza del presupposto del raggiungimento della maggioranza del sessanta per cento dei crediti al momento del deposito e della pubblicazione nel registro delle imprese, non potrà essere sanata da adesioni pervenute successivamente. Il debitore dovrà attivarsi per iniziare nuovamente la procedura, così come dispone la norma che prevede il deposito dell’accordo che sia stato «stipulato con i creditori rappresentanti almeno il sessanta per cento dei crediti. "
Tribunale di Brescia, decreto 22 febbraio 2006

Link: Per restare aggiornato iscriviti alla nostra Newsletter!


Related Posts with Thumbnails